Ecco un elenco in forma sintetica di alcuni degli emendamenti più significativi approvati dalle commissioni Cultura e Lavoro della Camera al D.L. 126 del 29.10.2019. Abbiamo anche aggiunto alcuni chiarimenti e integrazioni esplicativi in base alle domande maggiormente ricorrenti.
Elaborato dallo Staff di Origine Concorsi per i propri corsisti e per la preparazione. Per il resto vedi www.origineconcorsi.it

La discussione alla Camera dei Deputati inizierà domani.
Premessa
Partirà prima il concorso ordinario per titoli ed esami nella scuola dell’infanzia e primaria e poi quello nella scuola secondaria di secondo grado. A febbraio dovrebbe partire il V ciclo del TFA sostegno a cui saranno ammessi tutti gli idonei al IV ciclo.

Ricordiamo che, avendone i requisiti, si può partecipare per entrambe le procedure e per le medesime tipologie di posto.

L’iter del concorso straordinario nella scuola secondaria dovrebbe quindi essere abbastanza veloce.

Le prime immissioni in ruolo dalla nuova graduatoria regionale dei 24.000 vincitori previsti dal D.L.126 nel prossimo triennio, saranno effettuate con decorrenza 1.9.2020.

I vincitori saranno nominati sul 100% del 50% dei posti annualmente riservati alle Gae qualora queste fossero esaurite o solo su una quota parte qualora queste non fossero ancora esaurite. Quindi conviene fare domanda in una regione dove le Gae o sono esaurite o sono in via di esaurimento.

Per i docenti assunti in prova nel prossimo settembre inizia la seconda parte dell’iter concorsuale speciale che si concluderà, dopo un anno scolastico, con il conseguimento dei 24 CFU, se i docenti ne sono sprovvisti , e con una prova orale con il Comitato di valutazione della scuola integrato da due membri esterni di cui uno deve essere un DS e che viene superta con il punteggio minimo di 7/10. I docenti, una volta confermati in ruolo, hanno l’obbligo di permanervi per quattro anni, cinque se si considera anche l’anno di prova -formazione, ( 2020/21) parte integrante dell’intera procedura concorsuale.

1) Si recuperano tutti i 9.000 posti di Quota 100 relativi al 2019/20 non attribuiti per i ritardi dell’amministrazione, l’ammissioine in ruolo avverrà von retrodatazione giuridica 2019/20.

2) I docenti con servizio nella scuola paritaria o con servizio misto ( parte prestato nella paritaria e parte nella statale) partecipano alla procedura ai soli fini abilitanti, partecipano altresì ai soli fini abitanti con servizio nei percorsi Iefpt e nei progetti regionali riconducibile a servizio su classe di concorso.

Al concorso straordinario avendono i requisiti partecipano anche i docenti diplomati per i posti di ITP.

3) I docenti che ora stanno frequentado il quarto anno del TFA di sostegno, parteciperanno con riserva al concorso riservato ma anche al concorso ordinario su posto di sostegno, la riserva si scioglierà allorquando avranno conseguito il titolo di specializzazione.

4) I servizi utili per il triennio si cominciano a considerare non più dal 2012 ma dal 2008/09. Quindi si amplia notevolmente la platea dei possibi partecipanti. Pertanto i tre anni di servizio devono essere svolti tra il 2008/09 al 2019/20.

5) I servizi prestati su posto di sostegno senza titolo di specializzazione sono considerati validi come requisito di accesso al concorso riservato.

6) Partecipano al concorso riservato con riserva i docenti che quest’anno completano il terzo anno di servizio i cosiddetti 180×2. Entro il 30 giugno dovranno aver conseguito i 180 giorni oppure avere un servizio contimuativo dal primo febbraio agli scrutini compresi.

7)

8 ) Le graduatorie di istituto, che saranno aggiornate nella primavera 2020, verranno trasformate in graduatorie provinciali per le supplenze di durata annuale. Ovviamente per le supplenze brevi i docenti presenteranno domanda alle 20 scuole.

Per fare chiarezza!!

Trasformazione delle Graduatorie d’Istituto in Provinciali.

Vengono istituite delle Graduatorie Provinciali da usare per le supplenze dopo le Gae.

Ci sarà una convocazione unica. Ovvio che in questo caso ci riferiamo alle supplenze al 30 Giugno-31 Agosto quindi ognuno potrà scegliere in base alla propria posizione e se “libero” potrà scegliere il posto di propria preferenza. Nello stesso tempo potrà rinunciare.

Chi è inserito in queste graduatorie provinciali, sceglie comunque 20 scuole per le supplenze temporanee (maternità, malattia, ecc).

La chiamata quindi sarà fatta dalle singole scuole.

Ci saranno prima le convocazioni da Gae ( prima graduatoria provinciale) , a seguire e se esaurite le Gae, dalla graduatoria provinciale degli abilitati ( seconda graduatoria provinciale), se esaurite, dalla graduatoria provinciale dei non abilitati ( terza graduatoria provinciale)

Per il sostegno ci sarà un’unica graduatoria provinciale dei docenti in possesso del titolo di specializzazione: prima i docenti in Gae, poi i docenti in seconda fascia provinciale e infine i docenti in terza fascia provinciale.

Le graduatorie provinciali scorreranno solo per l’attribuzione delle supplenze al 31 agosto e al 30 giugno.

Per le supplenze brevi e saltuarie invece i docenti faranno domanda a 20 scuole e saranno chiamati da queste scuole per le supplenze brevi e saltuarie ( malattie, maternità, ecc..).

9) La terza fascia di istituto sarà riaperta, come requisito di accesso, per chi si inserisce per la prima volta. é la laurea o il diploma per gli ITP cui bisogna aggiungere i 24 CFU, chi non li possiede li deve acquisire.

10) I vincitori e gli idonei dei concorsi del 2016 potranno inserirsi a domanda in coda nelle graduatorie regionali ad esaurimento dei concorsi riservati banditi nel 2018.L’emendamento potrebbe essere modificato dalla. Discussione parlamentare per un inserimento a pettine. La graduatoria del 2016 è prorogata di un altro anno.

11) Sarà bandito un concorso anche per i docenti di religione d’intesa con la CEI, vacanti dal 2020 al 2023, fino al 35% dei posti potranno essere riservati ai docenti di religione in possesso del riconoscimento dell’idoneita’ rilasciata dall’ Ordinario Diocesano.

12) I DM mominati con riserva e che prestano servizio, resteranno in servizio per continuità fino alla fine delle attività didattiche.

I posti lasciati liberi dai depennati dalle GAE infanzia e primaria a seguito di sentenza di merito saranno restituiti agli aventi diritto legittimamente inseriti in Gae con retrodatazione giuridica, sulla retrodatazione ci vuole però l’ok del Mef.

13) I docenti di ruolo cosiddetti “ingabbiati” di infanzia e primaria che hanno un titolo di studio valido per insegnare nella scuola secondaria,

possono partecipare solo per il conseguimento dell’abilitazione con tre anni di servizio nel ruolo di provenienza infanzia/primaria al fine di poter partecipare successivamente alla mobilità professionale. Se vogliono partecipare al concorso i docenti di ruolo devono avere tre anni nella scuola secondaria ma sono esonerati dall’anno di servizio specifico per il posto per cui vuole concorrere.

14) Le graduatorie di istituto saranno trasformate in graduatorie provinciali Le graduatorie provinciali serviranno in subordine alle Gae per il conferimento delle supplenze di durata annuale Per le supplenze brevi e temporanee i docenti inseriri nelle graduatorie provinciali invieranno le istanze a 20 scuole della provincia. A nostro avviso ci sarà una graduatoria provinciale di prima fascia ( docenti in Gae), di seconda fascia ( docenti abilitati) e una fraduatoria di terza fascia ( docenti non abilitati). Sarà prevista una graduatoria specifica per il sostegno per i docenti in possesso del titolo di specializzazione.

15) Il Comitato di valutazione davanti al quale i docenti al fine della conferma in ruolo dovranno svolgere la prova orale, sarà integrato non da uno ma da due membri esterni di cui uno necessariamente dovrà essere un Dirigente Scolastico.

16) Il programma relativo alla prova scritta computer based sarà quello del concorso a cattedra ordinario del 2016.

a) Nota a margine per vincitori e idonei del Concorso 2016.

Ci sono due possibilità ( la cosa é volontaria) per i vincitori e gli idonei del concorso 2016 : rispondere alla Call veloce, (vedi sopra) e quindi essere assunti subito nelle province di Regioni dove ci sono posti ancora da assegnare entro il 10 settembre dopo le immissioni in ruolo per esaurimento delle graduatorie o mettersi in coda nelle Graduatorie regionali dei concorsi speciali in province di altre regioni dove le graduatorie scorrono, con la consapevolezza per i docenti provenienti dal Sud che una volta in ruolo sarà difficile essere trasferiti. Chi è assunto non potrà fare trasferimento o assegnazione provvisoria per 5 anni.I vincitori del concorso 2016 a differenza degli idonei sono più garantiti, infatti essi non sono soggetti alla decadenza della graduatoria che é stata comunque prorogata di un anno e saranno comunque assunti nella Regione in cui hanno fatto il concorso ma solo quando si creeranno i posti per l’assunzione.

wwww.origineconcorsi.it

Ma se vogliono accellerare l’immissione in ruolo devono anch’essi necessariamente spostarsi.

b) Una nota a margine su V ciclo TFA Sostegno.

Con una Nota Ministeriale il Miur avvia il V ciclo TFA per la specializzazione su sostegno.

Fioramonti invita le Università entro il 6 dicembre p.v.a indicare il numero massimo di posti distinto per ordine e grado di scuola.

Il Miur oltre i 14.000 posti autorizzati dal Mef chiede di aggiungere anche i 7.000 idonei del IV ciclo per un totale quindi di 21.000 posti.

Al Tfa possono partecipare docenti anche di ruolo in possesso dell’abilitazione specifica o con la laurea con 24 CFU in discipline antro-psco-pedagogiche e in metodologie e tecnologie didattiche.

Ricordiamo che gli ITP possono partecipare come per il ciclo precedente con il solo diploma.

Non é più valida per l’ammissione al V ciclo la norma transitoria che prevedeva l’accesso al TFA con la sola laurea e con tre anni di insegnamento.

TFA sostegno V CICLO e requisiti di accesso

Titolo di abilitazione nello specifico grado (I grado, II grado).

itolo di studio in una classe di concorso dello specifico grado (laurea + eventuali esami\CFU richiesti per accedere alla classe di concorso) + 24 CFU.

Titolo di studio in una classe di concorso dello specifico grado + 3 anni di servizio svolti negli ultimi 8 anni indipendentemente che siano stati svolti su sostegno o su posto comune (solo in prima applicazione, requisito NON VALIDO PER IL V CICLO). I 3 anni di servizio possono essere stati prestati nelle scuole statali, paritarie e nei centri di formazione professionale limitatamente ai corsi per l’assolvimento dell’obbligo scolastico. Itp: no 24 cfu fino al 2024/2025.

È sufficiente avere un solo requisito tra i 4 in elenco per la partecipazione al corso di specializzazione sul sostegno (TFA Sostegno). #Per il resto info al nostro centro n.1 per la preparazione concorsi, e non sindacato o avvocati truffa!# Origine CP Concorsi Origine info 3317052421 – www.orizzontescuolaconcorsi.it